Le confessioni (Padre Salus, chi è costui?)

locandina-le-confessioni-high

di Renata Morbidelli

Daniel Roché, banchiere di fama internazionale, in occasione di un importante Summit economico-finanziario, ha invitato, oltre ai Ministri dei Paesi più influenti tre personaggi che, apparentemente, non hanno nulla a che vedere con il mondo dell’economia e della finanza: una rock star, una scrittrice di libri per bambini e il monaco Roberto Salus. Dopo aver accolto i suoi ospiti con una cena dai toni abbastanza informali, Roché chiede al frate di confessarlo. Terminato il suo colloquio con Salus, il banchiere viene trovato morto seduto al centro della sua stanza e con un sacchetto di plastica in testa. Mille interrogativi e mille supposizioni corrono di bocca in bocca tra gli ospiti illustri del resort: è stato omicidio o suicidio? Se è omicidio, dato che il monaco è stato l’ultimo a vederlo in vita, e dato che il sacchetto che aveva Roché in testa apparteneva a Salus, potrebbe essere stato lui? Se non è lui il colpevole, allora chi altro potrebbe essere? Ci sono, eventualmente, eventi (recenti o passati) tali da indurre il banchiere al suicidio? Se il monaco l’ha confessato, allora, sicuramente, sa molto di più di quel (poco) che dice … deve parlare! Al diavolo il segreto della confessione! E poi ancora: è meglio che la gente sappia cosa sta accadendo o è più conveniente tenere nascosto l’accaduto finché non s’è giunti alla soluzione del caso? Cos’è meglio per i Mercati Internazionali? Dare la notizia di un presunto omicidio o dire che si tratta, senza dubbio, di un suicidio? Quale impatto avrà sull’opinione pubblica? Indagini, colloqui più o meno privati, confessioni e interrogatori si susseguono e, a volte si intersecano, per quasi tutta la durata della pellicola dai ritmi un po’ lenti, ma che cattura, nel contempo, l’attenzione dello spettatore che, fino alla fine, è incuriosito dal modo in cui ciascuno dei presenti affronta la situazione. L’unico che sembra non lasciarsi coinvolgere da tutta questa comune agitazione è Padre Salus che, parlando con ora con l’uno ora con l’altro, ha come unico interesse quello di far emergere, anche attraverso stratagemmi fantasiosi, la verità e a lasciare ai presenti, e agli spettatori più attenti, una domanda: chi è, in realtà, il frate? 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

uno × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.