Wynonna Earp

Wynonna Earp, un western moderno davvero poco serio

Wynonna Earp è il titolo di una serie televisiva che si può trovare su Netflix, per ora composta di una prima stagione con programmata già una seconda.

Vorrei parlarvene male, vorrei poter dire che la serie è totalmente priva di senso e presenta talmente tante lacune nella trama da diventare quasi imbarazzante. E vorrei persino dirvi che la protagonista fa schifo, non sa recitare ed è un’oca giuliva di primo livello.

Ebbene… non posso.

Non posso perché, in realtà, Wynonna Earp, contrariamente a tutto il buon senso possibile, mi è piaciuta. Non solo mi è piaciuta ma mi ha fatto ridere, divertire e passare un bel po’ di ore in assoluto relax.

Il serial dovrebbe rappresentare una sorta di atmosfera da Far West rivisitato e corretto, un western con tanto di colt e duelli al sole, ma anche con moto e auto rombanti. L’eroe, anzi l’eroina, ha tutte le carte in regole per essere l’esatta antitesi di qualsiasi personaggio femminile in stile Marvel, fra lei e Wonder Woman c’è un abisso. A partire dalle innumerevoli “faccette” comiche con cui riesce a smorzare qualsiasi cosa, per finire con la sua naturale incapacità di prendere sul serio tutto ciò che le accade intorno.

     

Melanie Scrofano (eddai… anche il nome è tutto un programma!), attrice di origini canadesi, è perfetta per il ruolo che le è stato affidato, ovvero essere una discendente diretta del mitico Wyatt Earp e, dunque, l’unica in grado di maneggiare la magica Colt Buntline Special (chiamata la Pacificatrice), appartenuta all’antenato e che può uccidere i demoni.

Un’eredità che alla nostra Melanie non solo sta stretta ma anche scomoda, dal momento che gli altri personaggi di contorno, stazionari nella serie, non le facilitano l’esistenza e, spesso, non si sa nemmeno da che parte stanno, se nella schiera dei buoni o in quella dei cattivi. Tuttavia, al termine della prima stagione, Melanie (continuo a chiamarla così perché Wynonna è davvero troppo pretenzioso) riesce a rimettere tutti al loro posto, arrivando perfino a destreggiare la colt senza il rischio di spararsi su un piede.

In sostanza, se vi piacciono le storie con personaggi femminili gradevoli ma non spocchiosi, se vi piacciono le storie condite con un po’ di humor ed effetti speciali parrocchiali e se vi piacciono le trame con demoni, mostricciatoli e cosucce varie, allora questa è la serie che fa per voi.

Vi lascio con trailer della prossima stagione, in lingua originale

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − quattro =

*