Memorie del sottosuolo: la folle passione anni Novanta per le creature sotterranee

Memorie del sottosuolo: la folle passione anni Novanta per le creature sotterranee

Perché 20 anni fa c’era questa insana mania di fare film con le creature che vivono sotto terra?

di Mattia Nesto

È uno di quei misteri difficilmente spiegabili come la comparsa delle statue dei camerieri fuori dai bar, dell’utilizzo di termini come “apericena” e “giropizza” e dell’uso spregiudicato dei pantaloni a pinocchietto. Sta di fatto che ad un certo punto degli anni Novanta praticamente in ogni dove non si faceva altro che trattare e parlare di creature sotterranee. Se gli anni Settanta furono l’epoca d’oro dei cieli solcati da titanici robottoni e gli anni Ottanta quelli del “sole, whisky e sei in pole position” la dimensione underground in tutti i sensi (parola non a caso diventata di moda proprio in quella decade) dominava in lungo e in largo i 90’s.

Non si può non citare ad esempio Tremors ovvero quella serie cinematografica con protagonisti dei colossali vermoni che uscivano letteralmente dal sottosuolo. Nonostante ad oggi siano stati prodotti cinque film ed una serie televisiva (anche se pare che un nuovo reboot sia ormai in dirittura d’arrivo) l’episodio più famoso è senza dubbio il primo, datato 1990, ricordato dai più anche per la partecipazione di Kevin Bacon. Tremors 1 ha una trama semplice ed elementare che pare scritta da un bambino: nel deserto del Nevada, senza un apparente perché, sono apparse delle misteriose creature che mietono vittime a tutto spiano.

Un gruppo di audaci tuttofare, tra cui ovviamente Kevin Bacon, decidono di mettersi sulle tracce di questi mostri e, dopo una serie di peripezie varie, con la classica super-esplosione li fanno secchi tutti (o così pare). Nonostante diciamo non brillasse per la trama la solenne paura che pigliava i ragazzi degli anni Novanta era fortissima e si citavano per giorni e giorni a scuola le scene più truculenti. Tanto che la riproposizione in televisione, di solito su Italia 1, di uno qualsiasi dei vari episodi destava sempre un interesse quasi morboso (anche ad età più tarde). Visti oggi fanno meno paura dei Looney Tunes però all’epoca vi assicuriamo che causavano un sacco di strizza.

cpntinua su: Memorie del sottosuolo: la folle passione anni Novanta per le creature sotterranee

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.