Crea sito

L’analisi di Totò? Che stupidaggine!

L’analisi di Totò? Che stupidaggine!

L’artista napoletano ha ricevuto la laurea honoris causa post mortem. Ma per quanto ha fatto, a lui si deve non un mare, ma un oceano.

di Pino Farinotti

Quello che è successo lo sappiamo. Una volta morto, Totò è diventato un altro. Sociologi, specialisti, scrittori, analisti, critici ci hanno spiegato che Totò… non era Totò. Certo hanno aspettato che morisse, perché altrimenti si sarebbe arrabbiato.

Tutto può essere analizzato. Puoi studiare Marx e Joyce, persino De Filippi e D’Urso. Eco studiò Mike Bongiorno. Ma Totò va visto e rivisto.

Pino Farinotti

Fa sorridere, ridere e fa stare meglio. E che tutto si fermi lì. Ho voluto estremizzare il concetto, nel quale comunque credo. Una volta che l’attore, uomo marionetta, mimo snodato, canzonettista, battutista a braccio, è stato rubricato verso l’alto, verso la cultura e il sociale, protagonista e vittima di una revisione che avrebbe dovuto essere nobile ma era solo superflua, allora, gli stessi “analisti” detti sopra hanno ri-corretto la revisione, cercando di riportare il genio napoletano nella sua dimensione, quella popolare, sentimentale e semplice. Potenza della semplicità. Quella utile nel quotidiano, quel deterrente rispetto ai colleghi comici contemporanei, tristi, complicati e volgari che fanno sorridere per cinque secondi, quando ci riescono, poi tutto si dimentica.

Cerco di interpretare Totò alla notizia dell’attribuzione della Laurea Honoris causa in “Discipline della musica e dello spettacolo”. “Ci ho messo un secolo a prendere la laurea, lo studente più fuoricorso del mondo”. Quella che segue non è un’analisi, solo un descrizione. Gli strumenti basici erano quella mimica disarticolata che partiva dalla mascella e da quegli occhi tondi che roteavano in tutti i punti cardinali. E poi tutto il resto del corpo, disarticolato. Su questa base poi ci mise tutto il resto: un paio di pantaloni troppo larghi, una giacca troppo lunga e una bombetta. Un’estetica perfetta a rappresentare l’omino senza un soldo, sempre impegnato a sbarcare in qualche modo il lunario, nelle infinite modalità di cui era capace. Ricorrendo, quando proprio era necessario, a qualche imbroglio, ma piccolo. Rimanendo comunque convinto della propria onestà.

continua su: L’analisi di Totò? Che stupidaggine! – MYmovies.it

Related Post

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

uno × cinque =

*