Humphrey Bogart era unico

Humphrey Bogart era unico

Morì 60 anni fa ed è stato uno dei più grandi attori di sempre e un grandissimo personaggio, divenuto semplicemente “Bogart”

Per spiegare certi grandi attori a chi non li conosce si usano i loro film migliori. Humphrey Bogart – che morì a 57 anni il 14 gennaio di 60 anni fa – si può spiegare anche senza. Non perché non fu un grande attore – vinse comunque un Oscar e fece molti ottimi film – ma perché fu soprattutto un grande personaggio del cinema, inimitato. Uno di cui si può davvero dire “star”: la migliore di tutte, secondo l’American Film Institute che lo mise al primo posto della sua classifica degli attori più leggendari di sempre.

Humphrey Bogart ha fatto Gli angeli con la faccia sporca, Il mistero del falco, Il grande sonno, Acque del sud, Sabrina, Il tesoro della Sierra Madre e Casablanca ma oltre che un grande attore di grandi film è stato Humphrey Bogart. Uno di cui si racconta che lo scrittore Raymond Chandler abbia detto: «L’unica cosa che Bogart deve fare per dominare la scena è entrarvi». Bogart – che era alto solo un metro e 73 – aveva una faccia speciale e unica nella storia del cinema: erano tempi in cui tra i grandi divi erano apprezzate molto più di oggi le facce adulte, i fascini maturi, piuttosto che le bellezze molto giovani, ma anche in questo contesto Bogart aveva una inconfondibile “faccia da Bogart”, e ruoli conseguenti di fascino serio, autorevole, vissuto.

La parte più notevole in questo senso fu probabilmente quella di Casablanca, ma anche in una commedia leggera e leggendaria come Sabrina, la sua parte girava intorno al confronto tra la sua gravità autorevole e la leggerezza giovanile di Audrey Hepburn. Bogart aveva la faccia di uno che ride solo se gli scappa da ridere, o se si sta compiacendo di una propria battuta.

Tra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta fece decine di film da protagonista – tanti noir, tanti in cui faceva il personaggio con una forte morale, anche se non sempre buono – e divenne un personaggio (personaggio stesso che a sua volta divenne centrale in Provaci ancora Sam, con Woody Allen). Fu riconoscibilissimo per il cappello borsalino che spesso indossava, per la sua voce bassa, sporca e quasi nasale, anche per via della cicatrice sopra al labbro (pare a causa di un pugno mentre era militare), per l’impermeabile e per il viso. Ernest Hemingway disse: «Il volto d’uomo più interessante che abbia mai conosciuto».

Sorgente: Humphrey Bogart era unico – Il Post

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × uno =

*