Crea sito

Category Recensioni

I figli della notte

I figli della notte

di Piero Calò

In un bosco d’inverno in Alto Adige, una moderna struttura simil-alberghiera ospita giovani abbienti, futura classe dirigente dell’Azienda Italia. Si studia la microeconomia e il marketing, si gioca l’hockey su ghiaccio, si impara a diventare come i loro padri e precettori.
Opera prima di Andrea De Sica, che forse aveva un messaggio urgente da veicolare e si è voluto servire di un lungometraggio laddove un onesto corto sarebbe stato sufficiente. Ma sarebbe lo stesso stato un pessimo lavoro in quanto “I figli della notte” è un’opera talmente scalcinata che vien quasi da vergognarsi di essere italiani.

Un aspetto su cui tenderemmo a essere indulgenti è la banda sonora, che nel cinema italiano, in media, è particolarmente sciatta...

Leggi articolo

47 metri | Film | Recensione

47 metri | Film | Recensione

di Emanuele Richetti

Una ripresa dal basso, le acque imperscrutabili del fondo di una piscina, un fluido rosso che contamina il blu verginale del liquido principale. Sangue? No, vino: un bicchiere ha rovesciato il proprio contenuto all’interno della piscina in cui Lisa e Kate ristoravano tranquille. E quel bicchiere apparteneva proprio alle due sorelle, giunte in Messico nel tentativo di lasciarsi alle spalle le delusioni del recente passato: Lisa è appena stata scaricata dal fidanzato e cerca, con la compagnia di Kate, di superare il momento difficile attraverso feste, alcool, divertimenti vari e bei ragazzi...

Leggi articolo

Wynonna Earp

Wynonna Earp, un western moderno davvero poco serio

Wynonna Earp è il titolo di una serie televisiva che si può trovare su Netflix, per ora composta di una prima stagione con programmata già una seconda.

Vorrei parlarvene male, vorrei poter dire che la serie è totalmente priva di senso e presenta talmente tante lacune nella trama da diventare quasi imbarazzante. E vorrei persino dirvi che la protagonista fa schifo, non sa recitare ed è un’oca giuliva di primo livello.

Ebbene… non posso.

Non posso perché, in realtà, Wynonna Earp, contrariamente a tutto il buon senso possibile, mi è piaciuta. Non solo mi è piaciuta ma mi ha fatto ridere, divertire e passare un bel po’ di ore in assoluto relax.

Il serial dovrebbe rappresentare una sorta di atmosfera da Far West rivisitato e corretto,...

Leggi articolo

Fast & Furious 8 non delude

Fast & Furious 8 non delude

Fast & Furious 8 non delude, è vero, ma il personaggio interpretato da Paul Walker decisamente manca

Prima c’era un certo equilibrio fra la figura di Toretto e quella di Brian, fra Vin e Paul, una sorta di compensazione che portava  una coppia grandiosa e improbabile a sbancare i botteghini di tutto il mondo con quattro ruote e tante assurdità. Prima c’era la pretesa di pensare a Fast & Furious come a un film d’azione, spettacolare sì, ma con una trama sempre piuttosto debole. Prima c’era quel qualcosa che ha trasformato un qualsiasi action film in un cult movie intramontabile, a dispetto di qualsiasi previsione iniziale. Poi Paul Walker è morto e tutti noi abbiamo pensato: E Adesso? Che ne sarà di Fast & Furious adesso?

Ebbene, che cosa è rimasto? In so...

Leggi articolo

Guardiani della Galassia Vol. 2

Guardiani della Galassia Vol. 2

di Federico Gironi – recensione da comingsoon

Il fatto è che al cinema, come nella vita, il segreto del successo sta in quella dote rara che è il non prendersi troppo sul serio. Che non vuol dire affatto non fare le cose per bene, né essere incapaci di serietà: vuol dire soltanto leggerezza, assenza di inutili e pompose sovrastrutture che appesantiscono chi sei e che fai, e uno sguardo ironico che fa risaltare i pregi tuoi e del tuo lavoro, e aiuta a perdonare i difetti.
James Gunn, per fortuna sua, e forse soprattutto nostra, è uno che non si prende troppo sul serio.

Quanto facile sarebbe stato per lui, che comunque era un outsider nel mondo dei blockbuster, perdere mano e misura dopo il successo clamoroso e un po’ inaspettato del primo Guardiani del...

Leggi articolo